Alla scoperta del Parco del Delta del Po

Ci sono oasi che meritano di essere visitate, come quella del Parco Naturale del Po, una riserva naturale che circonda le sponde dell’estuario del grande fiume italiano, situata al confine tra il Veneto e l’Emilia Romagna.

In questo luogo la tranquillità regna sovrana; gli argini, che proteggono i casoni (vecchie case dei pescatori) dall’esondazione del fiume, diventano punti panoramici dove ammirare un ambiente perfetto come solo la natura sa creare.

Piccole barche di pescatori che all’alba si dirigono in mare aperto, il rumore dei gabbiani che segna il rientro di qualche barca, le luci soffuse dei tramonti che si fanno spazio tra i canneti e quel silenzio tanto profondo da meritare di essere ascoltato.

Parco del Delta del Po

Parco del Delta del Po, cosa fare

Una delle esperienze incredibili di questa zona del Nord Est è la possibilità di poter visitare questa riserva naturale a cavallo. Ci sono dei maneggi che organizzano delle escursioni con guida: immaginatevi immersi in una natura incontaminata in sella ad un cavallo senza altri rumori, solo voi e ciò che vi circonda, da provare!

Si può visitare il Parco del Delta del Po in barca: alcune imbarcazioni organizzano giornalmente delle escursioni che permettono di arrivare alla foce e apprezzare l’ecosistema che si è formato attorno a questo ambiente.

Tra i canneti vivono moltissime specie di uccelli e tantissimi pesci. Si possono ammirare i cormorani e i cigni da vicino, ma anche ascoltare il silenzio e il fruscio del canneto, un silenzio talmente diverso dai rumori a cui tutti siamo abituati che genera una sensazione incredibile.

Parco del Delta del PoSi può visitare la Sacca Scardovari e immergersi a fare snorkeling per vedere l’ambiente marino da vicino, tra cefali e branzini, e se si è fortunati si riescono ad avvistare perfino le tartarughe marine.

Per gli amanti del cicloturismo, nel Parco del Delta del Po ci sono delle piste ciclabili collegate tra loro da tratti di strada normale. Ovviamente questo tipo di turismo slow vi permette di fermarvi ogni volta che ne sentite la necessità e ammirare ciò che colpisce il vostro cuore.

Per chi ama la cultura suggeriamo di vedere il Museo Regionale della Bonifica Ca’ Vendramin oppure il Museo Archeologico di Adria, uno dei musei archeologici più famosi del Veneto, così da approfittare e bere una tazzina di caffè oppure un caffè con ghiaccio alla Bottega del Caffè Dersut, in C.so Vittorio Emanuele, 159.

Parco del Delta del PoParco del Delta del Po, come organizzare il viaggio

Ci sono molte soluzioni, dal classico ed economico campeggio situato nei dintorni del parco naturalistico, ai Villaggi situati all’interno del parco, sino alle case vacanze. Quello che consigliamo è sicuramente assaggiare i piatti tipici di questa zona del Veneto, come gli spaghetti alle vongole, il branzino in crosta di sale oppure i cannolicchi con la polenta. Ricordatevi che in questa zona d’Italia non si può mai iniziare una cena senza prima aver fatto un aperitivo a base di Prosecco ad esempio il 1478, prosecco D.O.C.G. di Valdobbiadene, che troverete in tutte le Botteghe del Caffè Dersut, Italiana Caffè, giornale&caffè e Caffè Light!

Giulia Marchesan e Fabio Sonce
Giulia Marchesan e Fabio Sonce

Fabio, blogger professionista, fotografo e videomaker. Lavora da anni nel mondo della fotografia real estate per una nota azienda internazionale. Appassionato di natura ama fare lunghe camminate in mezzo ai boschi con i suoi bambini. Giulia, social media manager e content writer, lavora come freelance creando contenuti per portali turistici. 

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>