Castagnole al cacao, nocciole e caffè – il dolce che renderà ancor più goloso il tuo Carnevale!

Alla voce ricette di Carnevale appuntata nel mio ricettario mentale, le castagnole al cacao, nocciole e caffè rientrano senza dubbio alcuno nella top tre. Sono infatti il dolce più goloso, soddisfacente e delizioso che io abbia mai provato dopo le frittelle ripiene alla crema.

Le castagnole sono il dolce carnevalesco tradizionale per antonomasia. Vi confesso di aver rubato la ricetta alla mia nonna che ogni Carnevale ne prepara a chili, anno dopo anno. La sua ricetta è quella classica delle castagnole con l’uvetta che io ho rivisitato per voi in chiave ancor più goduriosa. Ho eliminato l’uva sultanina – che a tanti fa storcere il naso – e ci ho aggiunto il cacao per il suo sapore intenso; le nocciole per una croccantezza aromatica e avvolgente; il caffè Dersut della migliore qualità per donare quel quid in più alla ricetta, accontentando così anche i palati più esigenti.

Il risultato sono delle castagnole al cacao e caffè profumatissime, friabili fuori e morbide dentro. Custodiscono nel cuore un sapore paradisiaco, che si rinnova al palato morso dopo morso.
Inoltre, sono davvero facilissime da preparare! In poche e semplici mosse potrai gustarle a casa tua e fare la felicità di grandi e piccini.
Vediamo assieme come si preparano!

Castagnole al cacao, nocciole e caffè: la ricetta

INGREDIENTI (dosi per 40 castagnole)

  • 100 g di uova (corrispondenti a circa 2 uova medie)
  • 80 g di zucchero semolato
  • 65 g di burro a temperatura ambiente
  • 270 g di farina 00
  • 30 g di cacao amaro in polvere
  • 50 g di nocciole tritate
  • 50 g di mandorle tritate
  • 65 g di caffè preparato con la miscela Selezione del Conte Dersut (disponibile nello shop on line!)
  • 7 g di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • aroma di vaniglia e rhum q.b.
  • olio di semi per friggere q.b.
  • zucchero semolato per guarnire q.b.

PREPARAZIONE

  1. Monta le uova assieme allo zucchero e al sale. Dovrai ottenere un composto chiaro e spumoso, ci vorranno indicativamente una decina di minuti.
  2. Unisci dunque il burro e fallo amalgamare continuando a montare.
  3. Mescola le farine alla frutta secca e al lievito e aggiungine metà alle uova.
  4. Versa il caffè nell’impasto, mescola nuovamente e dunque incorpora le polveri restanti; aggiungi gli aromi.
  5. Dopo alcuni minuti avrai ottenuto un impasto piuttosto morbido ma maneggiabile; lascialo riposare un’ora in frigorifero.
  6. Infarina una spianatoia, forma dei salsicciotti di impasto (come si fa per gli gnocchi) e ricava dei tocchetti; forma ora le palline.
  7. Scalda l’olio di semi. Non appena arriva a temperatura – 170° C saranno perfetti – comincia a tuffare le palline, poche per volta, rigirandole di tanto in tanto, sino a che non saranno dorate.
    Se non possiedi un termometro da cucina puoi verificare se l’olio è giunto a temperatura inserendoci un piccolo pezzo di impasto, se attorno ad esso si formeranno immediatamente delle bollicine è il segno che l’olio è pronto per friggere.
  8. Scola le castagnole al cacao su della carta assorbente. Attendi un istante e rotolale nello zucchero semolato.
    Le tue castagnole sono finalmente pronte per far felici tutti (ma proprio tutti) con un solo assaggio!

Kristel Cescotto
Kristel Cescotto

Kristel è food blogger per The Eat Culture e, su di lei, nemmeno una nuvola. Cogitatrice impegnata, alla costante ricerca di ispirazioni, dentro e fuori dalla cucina. Grazie al cielo tutto scorre: panta rei. E alla fine, come in uno splendido giardino bahai, verrà estasiata da un’illuminazione.

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter, e rimani aggiornato sul mondo Dersut.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per l’iscrizione alla newsletter.
Per maggiori informazioni, consulta la Privacy Policy.