Caffè con ghiaccio – per una pausa rinfrescante

Quando il caldo inizia a farsi sentire, il caffè con ghiaccio è la soluzione perfetta per regalarsi una pausa energizzante e ristoratrice.

Le origini del caffè con ghiaccio sono molto antiche e sono tantissimi i paesi del mondo in cui, fin dall’Ottocento, le popolazioni hanno escogitato i modi più disparati di godere del caffè anche durante i periodi più caldi.

Caffè con ghiaccio

La versione di caffè con ghiaccio che conosciamo oggi e che in Italia amiamo così tanto è nata in Puglia, in Salento.

Quando nessuno aveva in casa refrigeratori di alcun tipo, le persone usavano recarsi in un piccolo bar leccese in cui potevano ristorarsi con un buon caffè rinfrescato da ghiaccio picconato sul momento. I frammenti grossolani del ghiaccio venivano “tuffati” direttamente nel caffè espresso caldo e ne abbassavano velocemente la temperatura senza diluirlo, preservandone in tal modo l’aroma.

Ancora oggi, anche se non si utilizza più il “ghiaccio picconato“, la ricetta di base per preparare un buon caffè con ghiaccio prevede l’impiego di cubetti di ghiaccio di grandi dimensioni che possano raffreddare immediatamente il caffè fatto al momento senza “annacquarlo” (diluirlo).

Caffè freddo con ghiaccio

Il caffè con ghiaccio tipicamente salentino può essere semplice oppure soffiato, ovvero montato per pochi secondi con il getto del vapore. Un’altra variante – cosiddetta “leccese” – prevede poi l’aggiunta di qualche cucchiaio di sciroppo al latte di mandorla in sostituzione dello zucchero.

Come preparare il caffè con ghiaccio

Per quanto possa sembrare “banale”, preparare un buon caffè con ghiaccio richiede una serie di accortezze.

  1. In primis, come sempre, la qualità del caffè: preparate un espresso corto della miscela che preferite – se avete problemi di digeribilità provate la miscela Dersut Light, decerata, dal gusto pieno e con ridotto contenuto di caffeina.
  2. Dolcificate il caffè appena fatto secondo i gusti.
  3. Riempite un bicchiere di vetro con cubetti di ghiaccio appena estratti dal freezer, e quindi ancora “secchi”.
  4. Unite, se lo preferite, un paio di cucchiai di latte di mandorla ed aggiungete il caffè.

Bevete senza aspettare troppo e… rinfrescatevi!

 

 

Raffaella Caucci
Raffaella Caucci

Food Writer and Food Photographer

Raffaella è una professionista in comunicazione specializzata in ambito food. Autrice di articoli e ricette, scrive e fotografa mensilmente per Alice Cucina e gustoSano. Per lei non esiste buongiorno senza un cappuccino.

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>