Caffè americano e caffè all’americana. Qual è la differenza?

Il caffè americano e il caffè all’americana non sono la stessa cosa. Lo sapevi?

Per quanto in Italia, infatti, i due termini si usino come sinonimo, questi si riferiscono a due modi diversi di preparare il caffè. Ma soprattutto a due caffè qualitativamente diversi.

Il primo, il caffè americano, conosciuto anche semplicemente come americano, non è altro che un espresso a cui si aggiunge acqua bollente; dunque un caffè all’italiana “allungato”, preparato generalmente a casa o nelle caffetterie che non posseggono l’apposito attrezzo per il caffè lungo all’americana.

Il caffè americano

Il caffè all’americana, detto anche caffè filtro (o filtrato), si ottiene, invece, per percolazione, ovvero facendo scorrere l’acqua bollente attraverso il caffè contenuto in un filtro, seguendo la forza di gravità, per essere raccolta in un contenitore sottostante.

Caffè americano VS caffè all’americana: differenze sostanziali

  • Miscela: l’espresso alla base del caffè americano ha bisogno di una miscela robusta, che serve proprio a rendere il caffè corposo, esattamente come quella del Caffè oro Dersut; mentre il caffè filtrato necessita di una qualità preferibilmente 100% Arabica, più leggera e aromatica, o monorigini di Arabica, dato che la percolazione esalta le note aromatiche soprattutto delle varietà più floreali e fruttate, come il Non plus ultra Dersut (entrambi disponibili nello shop online).
  • Macinatura: mentre per il caffè americano la texture della miscela deve essere piuttosto sottile, quella del caffè all’americana deve essere medio-grande perché favorisce un infuso meno amaro, più adatto alla specifica preparazione.
  • Preparazione: come già accennato, il caffè americano si prepara allungando un tradizionale espresso, e quindi sottoponendo la miscela al calore dell’acqua ad alta pressione, che agisce sugli oli e sulle proteine contenute nel caffè producendo un’emulsione densa e consistente; il caffè all’americana, invece, si ottiene per percolazione.
  • Aspetto e gusto: il caffè americano mantiene talvolta la crema in superficie tipica della preparazione dell’espresso e un gusto deciso, ma diluito a causa dell’aggiunta di acqua bollente; il caffè all’americana, invece, è privo di crema in superficie e ha un sapore più dolce ed equilibrato.

Differenza tra caffè americano e caffè all'americana

Seppur il caffè americano e quello all’americana siano dei caffè lunghi rispetto all’espresso, non pensare che contengano meno caffeina.

Mentre l’espresso è ristretto e si consuma velocemente, le altre due tipologie vanno sorseggiate, ma comunque bevute fino in fondo; per cui la quantità di caffeina è praticamente la stessa.

E tu quale tipologia preferisci: il caffè americano o quello all’americana?

Raffaella Caucci
Raffaella Caucci

Food Writer and Food Photographer

Raffaella è una professionista in comunicazione specializzata in ambito food. Autrice di articoli e ricette, scrive e fotografa mensilmente per Alice Cucina e gustoSano. Per lei non esiste buongiorno senza un cappuccino.

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter, e rimani aggiornato sul mondo Dersut.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per l’iscrizione alla newsletter.
Per maggiori informazioni, consulta la Privacy Policy.