Il MUSE di Trento, un viaggio nella storia naturale

Del MUSE, situato nel quartiere delle Albere a Trento, si dice sia il museo di storia naturale più bello d’Italia.

Di fatto è un viaggio straordinario per adulti e bambini, che vengono catapultati immediatamente nel mondo animale e vegetale delle Dolomiti, oltre a quello della scienza in generale.

Progettato nel 2013 da Renzo Piano, è organizzato su 5 piani (4 fuori terra e uno interrato) facendo immergere completamente il visitatore in quello che è lo scenario della flora e della fauna montana tipica del Trentino, con alcune estensioni in ambiti scientifici e geografici.

Il MuseCosa vedere al Muse

L’esposizione è articolata su 5 piani. È consigliato iniziare la visita dall’ultimo, rappresentante le vette delle montagne con falchi e aquile, per poi scendere a valle passando tra i vari abitanti che rendono uniche le varie zone montane delle Dolomiti come i camosci, gli orsi e i cervi.

Una parte, al secondo piano, è dedicata alla geologia e geomorfologia della montagna, trattando anche argomenti molto importanti come i rischi delle alluvioni e delle frane.

Al primo piano c’è un’area dedicata alla vita nella preistoria, con riproduzioni in cera a grandezza d’uomo degli abitanti del Trentino, i progenitori della razza umana.

Al piano interrato c’è il Maxi Ooh, un’area dedicata ai bambini 0-5 anni dove possono toccare e imparare, colori, suoni, sensazioni capaci di coinvolgere anche i più piccini.

Il MuseUna delle particolarità del MUSE è la Serra Tropicale: si rimane a bocca aperta davanti alle specie che vivono in un ambiente così, totalmente diverso da quello del Trentino. Il verde brillante delle piante e il caldo umido saranno le prime cose che ti stupiranno di quest’area così particolare e affascinante.

Come organizzare una visita al Muse

Esistono varie tipologie di biglietto per visitare il MUSE: singolo per gli adulti (10 € a persona), familiare (10 € per un adulto e bambini, 20 € per due adulti e bambini – il numero di bambini non è definito) e di gruppo (8 € a persona).

È poi previsto un piccolo sovrapprezzo per le famiglie con i piccoli visitatori che vogliono accedere al Maxi Ooh.

È consigliabile acquistare i biglietti in prevendita online per evitare file alla cassa, in quanto in estate, soprattutto nelle giornate di pioggia, il MUSE è una meta molto gettonata.

Il MuseIl MUSE è raggiungibile in auto o con i mezzi pubblici; si può posteggiare nel parcheggio a pagamento situato sotto il museo oppure arrivare in treno e prendere il bus.

All’interno del Museo c’è un’area ristorazione dove fare una breve pausa e mangiare qualcosina; in alternativa si può optare per una pausa caffè presso la Bottega del Caffè Dersut situata a pochi metri di distanza, in Via Olivetti, 23.

Giulia Marchesan e Fabio Sonce
Giulia Marchesan e Fabio Sonce

Fabio, blogger professionista, fotografo e videomaker. Lavora da anni nel mondo della fotografia real estate per una nota azienda internazionale. Appassionato di natura ama fare lunghe camminate in mezzo ai boschi con i suoi bambini. Giulia, social media manager e content writer, lavora come freelance creando contenuti per portali turistici. 

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>