L’orto botanico di Padova, tra piante esotiche e alberi secolari

Una vera perla di Padova è l’Orto Botanico, un luogo magico dove vedere da vicino tantissime piante provenienti da tutte le parti del mondo.

Una storia secolare

L’orto botanico universitario di Padova nasce nel 1545. La sua storia è molto lunga, tanto da renderlo oggi il più antico d’Italia.

Dichiarato nel 1997 patrimonio dell’Unesco, conserva al suo interno innumerevoli piante medicinali, piante esotiche ed esemplari di alberi secolari, per alcuni dei quali si stima la nascita nel diciottesimo secolo, come il ginko del 1750 o la magnolia del 1786.

La struttura di questo giardino botanico è molto particolare: un quadrato, ora protetto da mura perimetrali, suddiviso in quattro macro-aree nelle quali vengono coltivati esemplari diversi.

Una grande serra racchiude piante tropicali come la Regina della Thailandia, sapientemente accudite e coltivate dagli studiosi e assistenti dell’Università di Padova.

L’orto botanico si può visitare autonomamente oppure con visita guidata.

Informazioni pratiche sull’Orto Botanico di Padova

L’orto Botanico di Padova è aperto al pubblico tutto l’anno dalle ore 9.00 alle 17.00 nel periodo invernale, mentre in quello primaverile/estivo il giardino rimane aperto fino alle 19.00.

Il costo del biglietto è di 10 € per le persone dai 18 ai 64 anni, ridotto a 5 € per i bambini dai 6 ai 18 anni.

È possibile prenotare una visita guidata con un esperto, che vi porterà alla scoperta dell’Orto Botanico raccontandovene la storia, mostrandovi gli esemplari di maggiore pregio e intrattenendovi con aneddoti divertenti.

Maggiori informazioni sono presenti nel sito ufficiale.

orto botanico

Alcune idee su cosa fare a Padova

Per scoprire tutti gli angoli interessanti di Padova e le sue attrazioni è necessario dedicare almeno un weekend a questa città.

L’Orto Botanico potrebbe essere una scusa per visitare quindi Prato della Valle, una delle più grandi piazze d’Italia, o la Cappella degli Scrovegni, dove ammirare i capolavori di Giotto. Perdetevi nel centro della città e raggiungete anche la Basilica di Sant’Antonio, Piazza dei Signori e la Torre dell’Orologio.

Voglia di uno spuntino o di un espresso? Fermatevi nelle Botteghe del Caffè Dersut, in Piazza Garibaldi 10, in Via Altinate 15 oppure in Corso del Popolo 16.

 

Giulia Marchesan e Fabio Sonce
Giulia Marchesan e Fabio Sonce

Fabio, blogger professionista, fotografo e videomaker. Lavora da anni nel mondo della fotografia real estate per una nota azienda internazionale. Appassionato di natura ama fare lunghe camminate in mezzo ai boschi con i suoi bambini. Giulia, social media manager e content writer, lavora come freelance creando contenuti per portali turistici. 

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>