Yogurt fatto in casa – senza yogurtiera

Lo yogurt fatto in casa senza yogurtiera – partendo da ingredienti di base semplicissimi da reperire – potrebbe sembrare difficile da realizzare, ma vi garantisco che soprattutto quando la temperatura è alta come in questo periodo si fa praticamente da solo.

Uno Yogurt sodo, buonissimo, per nulla acido, che quando sta per terminare si riproduce partendo da soli 2 o 3 cucchiai rimanenti.

Yogurt senza yogurtiera

Resterete stupefatti per la sua corposità e per il suo sapore dolce e delicato, e potrete accompagnarlo con della buonissima frutta fresca di stagione o – se preferite – aromatizzarlo al caffè.

Il procedimento e le dosi che trovate a seguire vi faranno ottenere circa 1 litro di yogurt. Vi consiglio di prepararlo direttamente nel vasetto in cui lo conserverete in frigorifero: questo vi consentirà di non fare travasi e di non perdere la consistenza cremosa.

Yogurt fatto in casa senza yogurtiera: la ricetta

Ingredienti

  • 3 cucchiai di yogurt intero al naturale  (NO crema di yogurt, ma yogurt bianco freschissimo, il più lontano possibile dalla data di scadenza)
  • 1 litro di latte fresco intero
  • 1 caffè espresso freddo per aromatizzarlo

yogurt fatto in casa senza fermenti

Procedimento

  1. In una pentola ben pulita portate a bollore il latte finché non comincerà a salire la schiuma. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare (per accelerare questa fase spostate la pentola nel pozzetto riempito per ¼ di acqua freddissima).
  2. Rimuovete delicatamente lo strato di panna formato in superficie e attendete che il latte sia appena appena tiepido – intorno ai 38°/40°C.
  3. Trasferite 3 cucchiai di yogurt intero nel vasetto grande che userete – mi raccomando ben pulito e asciutto. Aggiungete un po’ di latte (se non siete sicuri di aver rimosso TUTTA la panna usate un colino) e mescolate delicatamente.
  4. Incorporate a filo, sempre molto delicatamente, il resto del latte mescolando. Chiudete il vasetto e ponetelo in luogo sicuro e riparato per almeno 12 ore, senza toccarlo o girarlo mai.
  5. Trascorso il tempo di posa muovete leggermente il vasetto: se risulterà un “blocco unico” quasi solido vorrà dire che lo yogurt è pronto – altrimenti lasciatelo riposare ancora (a me è capitato di arrivare anche quasi a 24 ore).
  6. Una volta addensato lo yogurt trasferitelo immediatamente in frigorifero nel ripiano più freddo e lasciatelo riposare almeno 4 ore. Consumatelo dolcificandolo a piacere e aggiungendo una tazzina di espresso freddo per un risultato golosissimo.

NOTA: Non dimenticate di conservare 3 cucchiai di yogurt per generare quello successivo! Non potrete farne più a meno in questa torrida estate!

Raffaella Caucci
Raffaella Caucci

Food Writer and Food Photographer

Raffaella è una professionista in comunicazione specializzata in ambito food. Autrice di articoli e ricette, scrive e fotografa mensilmente per Alice Cucina e gustoSano. Per lei non esiste buongiorno senza un cappuccino.

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>