Millefoglie croccante con panna cotta al caffè e mousse al cioccolato

Questa millefoglie croccante con panna cotta al caffè e mousse al cioccolato è uno di quei dolci a cui non si può proprio dire di no. L’irresistibile scioglievolezza della mousse al cioccolato, il profumo d’arancia, la fragranza della sfoglia, l’aroma avvolgente della panna cotta al caffè: parole golose che non rendono giustizia all’assaggio. 

Non fatevi spaventare dal primo sguardo alla lista degli ingredienti, lo so che di primo acchito può sembrare lunga e complicata ma vi assicuro che la realtà è ben diversa. La preparazione non è per nulla complicata e sfrutta il principio di massima resa e minima spesa. Insomma, una di quelle torte con cui la bella figura è più che assicurata. La ciliegina sulla torta è senza dubbio l’ingrediente cardine: il caffè, dell’ottimo caffè. Per la panna cotta al caffè ho usato una tra le mie miscele preferite di Dersut, il Non plus ultra, composta da una selezione tra le varietà più pregiate di caffè Arabica naturali, con retrogusto di cioccolato, pan tostato, sentori floreali e fruttati di agrumi. Cosa dire se non che questo caffè è un Non plus ultra di nome e di fatto.

Millefoglie croccante con panna cotta al caffè e mousse al cioccolato: la ricetta

INGREDIENTI

Per le sfoglie croccanti:

2 dischi di pasta sfoglia pronta

50 gr di zucchero semolato

50 gr di acqua

Per la mousse al cioccolato:

400 gr di cioccolato fondente

4 uova intere

3 cucchiai d’acqua

il succo di un’arancia

60 gr di zucchero semolato

un pizzico di sale

Per la panna cotta al caffè:

4 tuorli

60 gr di zucchero semolato

300 gr di panna fresca

40 gr di farina

5 caffè espressi

10 gr di colla di pesce

PREPARAZIONE

  1. Iniziate dalla cottura delle sfoglie. Disponetele sulla teglia e bucherellate la superficie con una forchetta.
  2. Preparate uno sciroppo con lo zucchero e l’acqua, portatelo ad ebollizione e dopo alcuni minuti togliete dal fuoco. Spennellate abbondantemente la superficie della sfoglia con lo sciroppo e infornate a 180°C fino a doratura.
  3. Usando il cerchio della tortiera apribile come stampo, tagliate a misura la sfoglia in modo da poterla agilmente inserire per comporre la torta. Mettete da parte e occupatevi della mousse al cioccolato.
  4. Fondete il cioccolato a bagnomaria assieme al burro e al succo d’arancia.
  5. Montate i tuorli con lo zucchero e, una volta fuso, incorporate a più riprese il cioccolato lasciato leggermente intiepidire.
  6. Montate gli albumi a neve, aggiungete un pizzico di sale e incorporateli delicatamente al cioccolato mescolando dal basso verso l’alto.
  7. Ora foderate la tortiera con la carta forno, sia la base che il bordo. Mettete uno dei due dischi sul fondo e versateci sopra la mousse al cioccolato. Mettete in frigo a riposare per un’ora.
  8. Nel mentre, preparate la panna cotta al caffè che andrà a comporre lo strato superiore della millefoglie. Iniziate ammollando la colla di pesce in acqua fredda per 10 minuti.
  9. Montate i tuorli con lo zucchero e unite la farina. Aggiungete dunque anche i caffè espresso e la panna fresca amalgamando bene il tutto.
  10. Versate il liquido in una casseruola e fate addensare a fuoco basso mescolando continuamente. Una volta raggiunta una consistenza cremosa togliete dal fuoco e unite la gelatina ben strizzata mescolando bene per farla sciogliere.
  11. Lasciate intiepidire la crema, quindi riprendete la tortiera dal frigo e metteteci l’altro disco di pasta sfoglia sulla mousse al cioccolato. Versate la panna cotta al caffè sopra il secondo disco di sfoglia croccante e rimettete in frigo a solidificare per almeno 6 ore.

Decoratela come più vi piace, io ho usato del cioccolato fuso, delle lamelle di mandorle, delle briciole di sfoglia ricavate dagli scarti dei dischi e qualche fiorellino. Bella e pronta per essere gustata – ovviamente accompagnata ad un ottimo caffè Dersut!

 

Credits immagini: Sara Cartelli

Kristel Cescotto
Kristel Cescotto

Kristel è food blogger per The Eat Culture e, su di lei, nemmeno una nuvola. Cogitatrice impegnata, alla costante ricerca di ispirazioni, dentro e fuori dalla cucina. Grazie al cielo tutto scorre: panta rei. E alla fine, come in uno splendido giardino bahai, verrà estasiata da un’illuminazione.

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>