Il tè come ingrediente in cucina

Il tè come ingrediente in cucina è molto apprezzato dagli Chef di tutto il mondo. Ma il suo impiego in abbinamento ad altri ingredienti in preparazioni dolci e salate non è una scoperta recente. Già nell’antica Cina le foglie di tè venivano condite e utilizzate per donare ai piatti aromi intensi.

Che si utilizzino per la preparazione di profumatissimi biscotti, ciambelloni oppure per risotti e arrosti del tutto particolari, le foglie di tè devono essere selezionate in base alla tipologia: ogni qualità, infatti, si presta meglio all’esecuzione di alcune ricette, oppure si combina meglio a specifici ingredienti. (Ne avevamo parlato anche in relazione ai cocktail)

Il tè come ingrediente in cucina: le regole generali

A grandi linee è bene ricordare che per utilizzare al meglio il tè come ingrediente, bisogna tenere a mente le principali caratteristiche delle tre più grandi famiglie:

  • tè bianchi: dal colore paglierino, hanno un gusto leggero e delicato, da combinare a ingredienti dal sapore non troppo invasivo;
  • tè verdi: sono molto aromatici – come il Tè Bancha Dersut. Hanno un gusto un po’ amarognolo e donano profumi speziati alle preparazioni;
  • tè neri: hanno un sapore deciso e persistente – come il Dersut Tea Top Quality, con una miscela a base di 4 pregiati tè neri, oppure il Tè Orange Pekoe, a foglie intere estremamente aromatiche (disponibili nello shop online) – e per questo vanno impiegati con cautela.

Cucinare con il tè

Utilizzare il tè come ingrediente di preparazioni dolci è semplice: nel classico ciambellone all’acqua, ad esempio, è possibile sostituire la quantità di liquido con infuso di tè per avere un risultato aromatico. È possibile impiegare il tè come base per la bagna di un raffinato Pan di Spagna; ma anche come delizioso ingrediente per i golosi biscotti.

Le foglie di tè possono, inoltre, essere utilizzate in infusione nel latte tiepido o nella panna calda per aromatizzare creme, dolci al cucchiaio e gelati.

Per le preparazioni salate, può essere un ingrediente originale e stuzzicante con cui donare aromi al riso durante la cottura pilaf oppure in risotti molto particolari. Le foglie di tè possono caratterizzare il profumo di un’aromatica marinatura per la carne o per il pesce; ma anche essere le protagoniste di salse salate gourmet. Insomma, nessun limite alla fantasia!

Per iniziare con le sperimentazioni culinarie, il mio consiglio è quello di partire dalla strada più semplice, ovvero dai dolci. E se arrivando alle ricette salate il tè dovesse sembrarvi un ingrediente troppo ardito potrete sempre utilizzarlo come bevanda a tutto pasto!

Raffaella Caucci
Raffaella Caucci

Food Writer and Food Photographer

Raffaella è una professionista in comunicazione specializzata in ambito food. Autrice di articoli e ricette, scrive e fotografa mensilmente per Alice Cucina e gustoSano. Per lei non esiste buongiorno senza un cappuccino.

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>