Caffè corretto – come abbinare alcolici e caffè

Il caffè corretto è una deliziosa bevanda tipicamente italiana: è nel nostro paese che è nata l’abitudine di “correggere” il caffè aggiungendo un po’ di liquore. In origine pare che fossero gli operai dell’Italia settentrionale, che durante le loro pause usavano aggiungere un goccio di grappa al caffè per ritrovare un po’ di calore e ristoro dalle rigide temperature.

Non ci è voluto molto perché questa abitudine si diffondesse in tutta la penisola, differenziandosi regione per regione a seconda del tipo di liquore impiegato in base agli usi e i costumi locali.

Caffè corretto – ricetta e consigli

La ricetta di base del caffè corretto tipica delle zone del Nord Italia è semplicissima e consiste nell’aggiungere non più di 5 ml di grappa a un buon caffè lungo o ristretto. Per una perfetta riuscita sarebbe preferibile far prima raffreddare il caffè – in modo da preservare la gradazione alcolica della “correzione” – e poi correggerlo senza zuccherare. Oppure, se proprio il caffè amaro non vi piace, zuccherarlo quando è ancora caldo e poi lasciarlo raffreddare prima di aggiungere il liquore.

Spostandoci al Sud, in particolare in Salento, troviamo l’abitudine di correggere il caffè con l’anice; è un’usanza talmente diffusa che in alcuni paesi è possibile trovare sui banconi dei bar una bottiglia di anice a disposizione dei clienti, che possono utilizzarla per modificare a piacere il proprio caffè.

Ma i modi per correggere il caffè sono innumerevoli.

Se avete un palato gentile e amate le consistenze cremose, aggiungete al vostro caffè qualche goccia di crema di whisky: vi stupirà. Oppure un goccio di brandy, che spezzerà l’amaro del caffè sprigionando dolcezza e aromi unici.

Se invece siete più orientati verso i sapori decisi, correggete il caffè con un po’ di whisky secco oppure un goccio di rum.

Ai tradizionalisti, invece, andrà bene il caffè corretto con la sambuca – oppure un bicchierino di sambuca con “la mosca”, ovvero il liquore con qualche chicco intero di caffè. Si tratta di un abbinamento ormai consolidato in grado di mettere d’accordo tutti; una combinazione di sapori vincente che ha ispirato anche il mio liquore al caffè aromatizzato all’anice stellato di cui trovate ricetta qui.

Qualche goccia alcolica nel caffè può rendere la vostra pausa speciale e ristoratrice. E come chiudi-pasto può contribuire a migliorare la digestione. Ma attenzione a scegliere il liquore giusto: che non sia eccessivamente fruttato oppure troppo amaro, caratteristiche che potrebbero interferire rendendo l’esperienza del caffè corretto meno piacevole.

In generale, l’alcol esalta in molti casi le note decise del caffè rendendo il suo sapore ancora più intenso ed avvolgente. E lo sa bene Dersut che nel suo liquore Dercaffè ha racchiuso una sintesi perfetta di questo abbinamento rendendo alcoliche alcune delle sue migliori miscele di caffè.

E voi, con cosa preferite correggere il caffè?

 

 

Raffaella Caucci
Raffaella Caucci

Food Writer and Food Photographer

Raffaella è una professionista in comunicazione specializzata in ambito food. Autrice di articoli e ricette, scrive e fotografa mensilmente per Alice Cucina e gustoSano. Per lei non esiste buongiorno senza un cappuccino.

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>