Brioche col tuppo al caffè: la colazione perfetta per le vacanze

Sono giunta alla conclusione che la ricetta per iniziare la giornata con il sole dentro è questa: spartire una brioche col tuppo al caffè con chi ami.

Quella che vi stiamo per dare è la ricetta perfetta per la colazione delle vacanze. Sa di giornate felici e spensierate, di cielo azzurro e risate, di amici e di cose belle.

La brioche col tuppo al caffè è la versione ri-editata della più classica “brioscia” siciliana. Dopo averne mangiate a quintali nei dintorni di Messina, me le sogno ancora la notte, pucciate nella granita con la panna.

Se anche voi come me quest’estate non ce la fate proprio a fare una scappata in Sicilia – magra consolazione – potete provare a scacciare la malinconia con un morso di queste brioche.

Ma prima di lasciarvi la ricetta vi svelo un segreto (di Pulcinella): queste brioches sono sì ottime inzuppate nel cappuccino, ma farcite con il gelato al caffè e cardamomo sono a dir poco divine.

Brioche col tuppo al caffè: la ricetta

INGREDIENTI

250 gr di farina manitoba

250 gr di farina 00

100 gr di caffè espresso preparato con la miscela Verde Dersut

100 gr di latte vaccino tiepido

2 cucchiai di caffè istantaneo Pronto Dersut

1 uovo intero e 1 tuorlo

75 gr di burro salato

90 gr di zucchero integrale di canna

10 gr di lievito di birra fresco

2 pizzichi di sale

1 cucchiaino scarso di miele millefiori

Una bustina di vanillina

1 tuorlo, 1 cucchiaio di latte, 1 cucchiaino di zucchero a velo

PREPARAZIONE

  1. Per la preparazione delle brioche col tuppo al caffè consiglio l’utilizzo di una planetaria o impastatrice che vi semplificherà il lavoro non di poco. A ogni modo, se non ne siete provvisti, le vostre mani e una bella spianatoia possono essere dei degni sostituti.
  2. Iniziate versando le due farine nella ciotola della planetaria assieme allo zucchero. Fate il caffè, scioglieteci il caffè istantaneo e aggiungetelo alle farine.
  3. Sciogliete il lievito nel latte tiepido assieme al miele e aggiungete anch’esso nella ciotola della planetaria. Cominciate a impastare con il gancio a velocità media.
  4. Sbattete leggermente le uova con la forchetta e aggiungetele all’impasto un cucchiaio per volta, solo quando il precedente è stato assorbito. Quando le uova saranno totalmente amalgamate all’impasto aggiungete il sale e, a più riprese, il burro a pomata, continuando a impastare sino a che l’impasto sarà “incordato”- ossia, si staccherà dai bordi della ciotola e dal fondo, sviluppandosi attorno al gancio. L’impasto sarà pronto per la lievitazione quando risulterà liscio, omogeneo ed elastico.
  5. Versate l’impasto su una spianatoia e formate una palla; fate lievitare nel forno spento coperto da un canovaccio fino a che non avrà raddoppiato il suo volume (2/3 ore). Quando l’impasto sarà lievitato, versatelo su una spianatoia e dividetelo in 10 palline da 100 gr circa.
  6. Da ogni pallina staccate una pallina più piccola (30-40 gr circa, sarà grande circa 1/3 rispetto alla palla più grande); con le dita fate una sorta di buco al centro della palla più grande, allungate la pallina più piccola in modo da formare una sorta di appendice e inseritela nella cavità.
  7. Non appena avete formato tutte le brioche col tuppo fatele lievitare per almeno un’oretta coperte da un canovaccio.
  8. Quando saranno pronte per essere infornate, spennellatele con il tuorlo d’uovo sbattuto assieme al latte e allo zucchero a velo. Infornate a 200°C per 15 minuti circa, poi abbassate il forno a 160°C e terminate la cottura per altri 5 minuti o, comunque, sino a doratura.

 

Foto credits: Sara Cartelli

Kristel Cescotto
Kristel Cescotto

Kristel è food blogger per The Eat Culture e, su di lei, nemmeno una nuvola. Cogitatrice impegnata, alla costante ricerca di ispirazioni, dentro e fuori dalla cucina. Grazie al cielo tutto scorre: panta rei. E alla fine, come in uno splendido giardino bahai, verrà estasiata da un’illuminazione.

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>