Dalla Russia con amore: il Raf Coffee

Il riferimento a James Bond non è di certo casuale. Come il personaggio di Ian Fleming, anche il caffè è il perfetto globetrotter: tenebroso e affascinante al punto giusto, energico, amato in tutti gli angoli del mondo.

La tappa di oggi è nella terra degli zar, nella fredda ed esotica Russia, solitamente poco accumunata nelle nostre menti al classico caffè in tazzina.

Eppure è amatissimo anche qui: pochissimi espressi, qualche cappuccino, un unico re indiscusso – il Raf Coffee.

Raf Coffee
Foto © Instagram / tiramisu_videoThe Ateliershopkofeblackwood_coffee_roastery

La storia del Raf Coffee

Come spesso accade al bar, anche il Raf Coffee non è stato inventato a tavolino e non è frutto di anni di ricerca. La sua invenzione è stata un caso fortuito.

Siamo a Mosca, nel primo negozio di caffè della città; è il 1996. Un cliente abituale chiede al barista qualcosa di nuovo e di dolce, preparato con la miscela di caffè che beve solitamente.

Il cliente si chiama Rafael ed è da lui che questa prelibatezza caffeicola prende il nome.

Da allora il Raf Coffee è presente in tutti i menu della città ed è diventato il caffè moscovita (e non solo) per eccellenza. Russia, Repubblica Ceca, Bielorussia: dopo poco più di vent’anni è possibile trovarlo quasi ovunque.

La ricetta del Raf Coffee

Di cosa si tratta quindi?

A differenza di molte tendenze del mondo del caffè, il Raf Coffee riesce a incontrare anche il nostro – selettivo e a volte un po’ snob – gusto italiano.

La ricetta è piuttosto semplice e con qualche modifica è replicabile anche a casa.

Ingredienti

  • doppio espresso, preparato con la miscela preferita
  • 250 ml di panna liquida (10% di grasso)
  • zucchero vanigliato q.b.
  • sciroppo di vaniglia q.b.

Preparazione

  1. Versate lo sciroppo e lo zucchero vanigliato sul fondo di una lattiera, aggiungendo quindi il caffè e infine la panna.
  2. Con una lancia a vapore montate il composto, come se si trattasse di un cappuccino, fino a che non risulta lucido.
  3. Servite in un bicchiere alto per il latte macchiato o in una tazza da cappuccino.
  4. Decorate a piacere.

Siete a casa e non avete la lancia a vapore? Potete montare il tutto a mano con la frusta oppure delicatamente con un frullatore a immersione.

Lavander Raf - variante del Raf Coffee russo
Lavender Raf

Le mille varianti del Raf Coffee

Ogni must have culinario ha le sue varianti e il Raf Coffee non fa di certo eccezione. Alla stregua di una coppa di gelato o di un variegato, le diverse proposte si basano sulla scelta dello sciroppo (o topping) utilizzato durante la preparazione o in alternativa per la decorazione.

Come è facile immaginare caramello, nocciola, cioccolato e liquori sono scelte immediate, ma esistono due varianti tanto popolari quanto inusuali per il nostro gusto.

Si tratta del Lavender Raf e del Violet Raf, ovvero Raf Coffee alla lavanda o alla violetta.

L’aroma floreale si sposa alla perfezione con diverse qualità e miscele di Arabica (come il Non Plus Ultra Dersut, disponibile nello shop online), creando una bevanda delicata, raffinata e originale al punto giusto.

Valeria Garbo
Valeria Garbo

Social Media Manager & PR per Dersut Caffè

Caporedattore di DersutMag, Valeria si occupa di social media e pubbliche relazioni per Cricket Adv, scrive per il magazine Grazia e segue da anni un blog personale dedicato al lifestyle. Non resisterebbe mai senza almeno tre espressi al giorno!

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dovresti usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>